14 Maggio 2017

Il Conero


Un altro giorno è da poco iniziato,l’alba si accende all’orizzonte,il sole infuocato dal mare sta spuntando,spegnendo il nero della notte trascorsa.

Verdi alberi si stagliano verso l’alto

sotto il blu cobalto del cielo

circondati da gialle ginestre

lungo le fronde dei sentieri di montagna.

Il mare azzurro sotto assiste sciabordando,

impietrite due bianche sorelle osservano,

come suore inginocchiate a lui si genuflettono,

scivolando delicatamente verso l’acqua.

Silenziosi passi lenti che camminano,

rossi corbezzoli fioriscono sugli alberi,

farfalle multi colorate volano ovunque,

donando ineffabile bellezza agli occhi.

 

Una nuova giornata si è accesa in me,

spegnendo i pensieri della notte passata,

mentre cammino su questi sentieri

sospinto dal vento che leggero mi accarezza.

La natura mi ha circondato ovunque,

il cinguettio di uccellini mi accompagnano,

la mente viaggia da sola, il corpo pure,

mi sento un puntino in questo immenso.

Il buio calando mi ha intanto avvolto,

tra le rame intuisco la forma della luna,

il luccichio delle stelle mi affascinano,

donando visione da sogno per i miei occhi.

Domani una nuova alba dal mare nascerà,

su nuove strade mi troverò a passeggiare,

la notte mi ha portato consiglio qua sul monte,

quel monte che tutti chiamiamo “il Conero”.

 

Foto Alba Perduta - Sara Bolognini

Poesia di Andrea Ansevini